Seleziona una pagina

La BCC Romagna Occidentale riapre la sede centrale di Castel Bolognese

3 Lug 2024 | news

Nella mattinata di sabato 29 giugno 2024, la BCC della Romagna Occidentale ha riaperto i locali della sede centrale, in piazza Fanti, a Castel Bolognese. Dopo oltre un anno di lavori senza alcuna sosta per ricostruire la gran parte dell’edificio devastato dall’alluvione del 16 maggio 2023, il risultato si è presentato in tutto il suo splendore agli occhi dei presenti, del Consiglio di Amministrazione e del Collegio sindacale. Hanno partecipato inoltre il Vescovo di Imola, mons. Giovanni Mosciatti e il sindaco di Castel Bolognese, Luca Della Godenza.

 

Nuovi locali per una banca ancora più accogliente

Locali progettati ex novo, impianti tecnologici sostituiti da soluzioni ad altissima efficienza e trasferiti ai piani alti dai sotterranei che vennero sommersi da acqua e limo. E una sala intitolata a Don Garavini messa al servizio della comunità, per ospitare iniziative culturali e sociali. Lo spazio di accoglienza è stato adornato con le cinque chiavi della città che la Banca ha ricevuto, caso unico al mondo, dieci anni fa, per il compleanno numero 110 di questa istituzione. Certo non poteva esserci un modo migliore di celebrare i 120 anni di questo rinnovamento che guarda al futuro, come è stato più volte rimarcato negli interventi.

I presenti hanno potuto visitare i nuovi locali e ammirare la parete allestita con le opere degli artisti del territorio, prima di un rinfresco nella sala Don Garavini, storico segretario della Banca fra le due guerre mondiali che, per sottrarre la cooperativa alle vessazioni del regime, operava dal convento delle suore di clausura, recandosi di persona a casa delle persone per prestare e ricevere denaro, nascondendo i libri contabili nelle profonde tasche della sua tunica, mettendo a rischio la propria incolumità per tenere fede ai valori mutualistici sui quali è stata fondata la Banca nel 1904.

 

Le parole del Presidente Luigi Cimatti

Dopo la benedizione impartita da Mons. Giovanni Mosciatti, Vescovo di Imola, è stato il Presidente Luigi Cimatti a prendere la parola, ricordando i difficili momenti trascorsi dai territori colpiti dagli eventi del 3 e del 16 maggio 2023 e quelli che sono seguiti in questi mesi, in cui la Banca è riuscita ad assicurare una continuità del servizio della sede centrale alla città e alle comunità in cui opera, resa possibile anche grazie all’installazione di una filiale provvisoria in piazza e, soprattutto, dallo sforzo di tutti. “Il primo ringraziamento lo devo rivolgere a tutti i dipendenti. Il loro impegno, la loro disponibilità sono stati encomiabili. Nonostante le difficoltà della situazione, che molti di loro hanno vissuto anche nelle loro case, si sono impegnati prima per aiutare a ripulire e poi per assicurare che l’operatività non si interrompesse. E poi, naturalmente, la gratitudine va alle imprese che hanno lavorato per un anno, anche il sabato e la domenica, per accelerare questa ricostruzione”.

Il Presidente ha ringraziato una ad una le imprese e i professionisti coinvolti: l’Impresa Edile Duda di Faenza, la Capirossi Impianti di Casola Valsenio, la Smart Security di Gatteo, Progetto Tre Arredo Contract di Pianoro, Eta Beta di Forlì, il direttore dei lavori Saele Giberti e la progettista, architetto Michela Minardi. “È stato un lavoro corale, impegnativo, non privo di difficoltà superate con grande spirito di squadra e senza mai risparmiarsi”, ha continuato il Presidente. “Ci sono stati giorni in cui il cantiere era popolato da decine e decine di persone, ciascuna ha dato il suo contributo per questo bellissimo risultato”. Una vera e propria ricostruzione, splendida e innovativa: “La nostra Banca ha 120 anni e a me piace pensarla come a una giovane ragazza esigente, che ha ancora molta vita davanti e pretende di essere ascoltata perché il futuro sarà nelle sue mani. Così abbiamo deciso di ascoltare questa voce e abbiamo colto la sfida per dar vita a una ristrutturazione importante che potesse avere una proiezione verso i prossimi decenni”.

BCC Romagna Occidentale inaugurazione nuova sede centrale Castel Bolognese

 

Altre news

Tour de France 2024, il passaggio di tappa a Castel San Pietro Terme

Tour de France 2024, il passaggio di tappa a Castel San Pietro Terme

La città di Castel San Pietro Terme si prepara ad accogliere, domenica 30 giugno, il passaggio del Tour de France 2024. Un evento storico, visto che è la prima volta nei suoi 111 anni di vita che la Grande Boucle prende il via in Italia (con partenza da...

Cinema in Tour 2024, il programma della rassegna

Cinema in Tour 2024, il programma della rassegna

"Cinema in Tour" è pronto a ripartire per raggiungere i suoi fedeli spettatori. Dal 22 giugno al 9 settembre saranno 34 le proiezioni che si terranno, a ingresso gratuito, nei dieci comuni del circondario imolese. La rassegna anche quest’anno punterà su una selezione...

Scopri il programma della Notte Celeste 2024

Scopri il programma della Notte Celeste 2024

Alle Terme di Castel San Pietro è iniziato il conto alla rovescia per la Notte Celeste, l'evento che coinvolge il mondo termale dell’Emilia Romagna. L’appuntamento è per sabato 22 giugno 2024 a partire dalle ore 16.   La Notte Celeste alle Terme di Castel San...

Quattro serate sull’Intelligenza Artigiana fra arte, tradizione e futuro

Quattro serate sull’Intelligenza Artigiana fra arte, tradizione e futuro

“Elogio della mano”, “Liuteria, fabbrica di musica”, “Stoffe ed incisioni”, “Il fabbro della parola”: quattro temi per le quattro serate che compongono la rassegna “Intelligenza Artigiana”, organizzata da Confartigianato Bologna Metropolitana, che si svolgerà a Villa...

Wellness con l’Intelligenza artificiale in mostra a Rimini

Wellness con l’Intelligenza artificiale in mostra a Rimini

RiminiWellness, l'evento internazionale dedicato alla promozione dei sani stili di vita, torna quest'anno dal 30 maggio al 2 giugno 2024. Organizzato da Italian Exhibition Group, la manifestazione non è solo una celebrazione del fitness e dello sport, ma anche una...

In partenza l’edizione 2024 dell’Emilia Romagna Festival – ERF

In partenza l’edizione 2024 dell’Emilia Romagna Festival – ERF

All’insegna di ‘classico è contemporaneo’ si apre la 24esima edizione dell'Emilia Romagna Festival - ERF, il lungo itinerario musicale che comincia quest’anno il 3 luglio e si chiude l’11 settembre, mettendo in campo un’imponente rassegna con 55...