Seleziona una pagina

Inaugurata l’Edicola delle Acque alle Terme di Castel San Pietro

26 Giu 2023 | Comunità, news

Il notevole successo di pubblico della Notte Celeste 2023 alle Terme di Castel San Pietro, avvenuta sabato 24 giugno, è stato coronato da un evento tanto atteso: l’inaugurazione dell’antica Edicola delle Acque, riscoperta durante il restauro del gazebo in stile Liberty, nel cuore del bel parco termale, dove risiedono numerosi alberi centenari di diverse varietà, alcune delle quali provenienti da altri continenti. L’origine dell’antica Edicola delle acque delle Terme di Castel San Pietro non è certa, a causa della distruzione dell’archivio durante la Seconda Guerra Mondiale, ma con buona approssimazione la struttura risale all’ultimo ventennio del XVIII secolo. Il recupero e la riqualificazione della struttura sono un dono di Anusca.

Il taglio del nastro

Il taglio del nastro è avvenuto nella prima serata di sabato 24 giugno, mentre il sole regalava riflessi dorati quasi a sottolineare l’emozione del momento. Alla cerimonia sono intervenuti, fra gli altri: il sindaco di Castel San Pietro Terme, Fausto Tinti, accompagnato dal presidente del Consiglio Comunale Tomas Cenni e diversi consiglieri; il sindaco di Monterenzio, Ivan Mantovani; il parroco, monsignor Gabriele Riccioni; il presidente di Anusca, Paride Gullini; il presidente delle Terme, Corrado Zaccaria e il presidente emerito della Corte Costituzionale, Antonio Baldassarre, unitamente ai consiglieri di amministrazione dI Anusca, di Terme e al progettista della riqualificazione, l’architetto Andrea Bertolini.

Gli interventi durante la cerimonia inaugurale della rinnovata Edicola delle Acque

Stefano Iseppi: “Questo ritrovamento testimonia una lunga storia di qualità sanitaria per la cura e la prevenzione a tutte le età”

È stato Stefano Iseppi, amministratore delegato della società Terme di Castel San Pietro, a fare gli onori di casa, evidenziando come “questo ritrovato manufatto rappresenta la grande qualità delle acque termali castellane, ricche di preziosi minerali che favoriscono efficaci percorsi di cura e prevenzione in diverse patologie, da quelle respiratorie a quelle osteoarticolari e che contribuiscono alla fama di Castel San Pietro come luogo a valenza sanitaria per la salute di adulti e bambini”.

Fausto Tinti: “Terme realtà identitaria, il loro simbolo sulla prossima rotonda delle via Emilia”.

Il sindaco di Castel San Pietro Terme, Fausto Tinti, a nome della città ha ringraziato Anusca e Terme per l’impegno nel “donare alla comunità questo recupero architettonico, questa valorizzazione che rende la città particolarmente orgogliosa delle sue Terme. Questa rinnovata struttura a molti castellani riporterà alla mente i ricordi dell’infanzia e, allo stesso tempo, sarà un motivo in più per venire a Castel San Pietro e riscoprire il valore terapeutico, sanitario, di prevenzione, che le nostre Terme possono vantare soprattutto grazie a queste acque minerali”. 

Il sindaco ha poi anticipato, sorprendendo tutti i presenti, come sulla nuova grande rotatoria sulla via Emilia, in costruzione a partire dal prossimo autunno, oltre al Leone Rampante, simbolo del Comune nonché della Città Metropolitana bolognese, saranno presente anche la simbologia turistico-termale della città “affinché ci sia un chiaro riconoscimento che noi siamo una città termale e che per noi le Terme sono una realtà identitaria che dobbiamo avere veramente a cuore”.

Paride Gullini “Abbiamo dato nuova vita all’unico manufatto delle Terme sopravvissuto alla guerra”

Alla cerimonia è intervenuto anche Paride Gullini, presidente di Anusca, Gruppo che nel 2017 ha acquisito la maggioranza di Terme di Castel San Pietro e che ha finanziato il recupero e la riqualificazione architettonica dell’Edicola delle acque del sovrastante gazebo in ferro battuto, opera dell’artista castellano Natale Salieri. 

“La prima intenzione era quella di restaurare il gazebo e la pavimentazione, ma poi abbiamo rinvenuto l’unico manufatto dell’area termale a non essere stato distrutto durante la guerra e abbiamo deciso di investire per riportarlo alla luce. Sono rimasto impressionato, ha detto Gullini, dalle maestranze che hanno lavorato a questa impresa. Sono artigiani che hanno una storia alle spalle decennale. Hanno lavorato con noi mettendoci la stessa passione che ognuno di noi porta nel suo lavoro. Un plauso lo voglio fare all’architetto Andrea Bertolini che ha riscoperto sotto una botola questa Edicola ormai dimenticata e che un tempo era il luogo di lavoro delle persone che passavano l’acqua da bere alle persone in cura alle Terme.”. Il presidente ha inoltre ringraziato i consiglieri di Anusca per aver sposato il progetto e ha confermato come il Gruppo intenda, nel tempo, continuare a sostenere la riqualificazione del complesso termale castellano.

Corrado Zaccaria: “Una nuova tappa del miglioramento delle Terme”

Per il presidente della società Terme di Castel San Pietro Spa, il siracusano Corrado Zaccaria, “chi viene a Castel San Pietro non può che innamorarsene, perché è una città che riesce sempre a meravigliare, è attiva, dà continuità alla sua azione migliorativa dei luoghi che sono già di per sé bellissimi. Sono dunque onorato di essere qui oggi a rappresentare le Terme e poter partecipare a una nuova tappa di questa corsa che si sta facendo verso tutto ciò che è positivo e bello”. 

Andrea Bertolini, il racconto del progetto. “Un luogo dell’anima a disposizione delle persone”

Attesissimo l’intervento di Andrea Bertolini, l’architetto di Castel San Pietro che ha curato il progetto e seguito con grande attenzione i lavori. “Sono veramente orgoglioso – ha esordito –  di aver potuto fare questo lavoro per la mia città perché questa struttura è un simbolo e quando si mette mano ai simboli il lavoro diventa rischioso. Questa è l’Edicola delle acque, così viene definita nel 1891 dal consiglio di amministrazione della Società Anonima dello stabilimento delle Terme di Castel San Pietro dell’Emilia. Fra questa Edicola e la fontana circolare sorgeva lo stabilimento termale originale, costruito nel 1889 e poi demolito a causa della guerra e con esso probabilmente si è perduto anche l’archivio posteriore al 1909, per cui poche notizie abbiamo dopo quella data”.

Lo spazio, che di sera è illuminato da una evocativa luce blu sulla cuspide del gazebo in ferro battuto che sovrasta l’Edicola. è pensato per una sosta: “volevamo che le persone restassero dentro questo ottagono e quindi abbiamo pensato a una seduta. Questo spazio è formato da soli due materiali: i mattoni, che sono quelli dell’epoca della muratura,sono macchiati dal colore giallo-arancio degli ossidi di zolfo e il travertino. Le murature le abbiamo conservate esattamente come erano, quindi con le loro macchie, con la loro diversa storia. Il travertino, invece, è un materiale tipico delle terme romane, un materiale che nel tempo lo vedremo invecchiare perché diventerà bianco, subirà un processo di carbonatazione. Ma l’idea è di assecondare il trascorrere del tempo passi e che qualcuno un domani possa vivere qualcosa che non è uguale al presente”.

Altre news

In partenza l’edizione 2024 dell’Emilia Romagna Festival – ERF

In partenza l’edizione 2024 dell’Emilia Romagna Festival – ERF

All’insegna di ‘classico è contemporaneo’ si apre la 24esima edizione dell'Emilia Romagna Festival - ERF, il lungo itinerario musicale che comincia quest’anno il 3 luglio e si chiude l’11 settembre, mettendo in campo un’imponente rassegna con 55...

Maria Pia Timo racconta i 120 anni della BCC Romagna Occidentale

Maria Pia Timo racconta i 120 anni della BCC Romagna Occidentale

Maria Pia Timo è la voce narrante di “BCC Romagna Occidentale, che storie!”, una serie di nove cortometraggi che esplorano eventi significativi nella lunga storia di questa banca cooperativa, operante nel territorio compreso tra le vallate del Senio e del Sillaro. Con...

Ravenna Jazz 2024, dal 3 al 13 maggio undici serate senza confini

Ravenna Jazz 2024, dal 3 al 13 maggio undici serate senza confini

Il Ravenna Jazz, giunto alla sua cinquantunesima edizione, avrà un intreccio particolarmente narrativo: dagli Usa a Cuba, con ritorno in Europa e in Italia, zoomando dalle formazioni orchestrali di dimensioni extralarge al solo. Nelle sue undici...

StraBologna, le Terme di Castel San Pietro corrono con le scuole

StraBologna, le Terme di Castel San Pietro corrono con le scuole

Le Terme di Castel San Pietro parteciperanno come partner ufficiali di Strabologna Scuole, un'iniziativa rivolta alle primarie di Bologna. Questo progetto, che gode del patrocinio dell'Ufficio scolastico regionale, è finalizzato a promuovere lo sport e l'attività...

Terme di Castel San Pietro, al via la stagione 2024

Terme di Castel San Pietro, al via la stagione 2024

Si riaprono le porte delle Terme di Castel San Pietro, pronte alla nuova stagione di cure e trattamenti basati sulle proprietà delle due sorgenti proprie di acque termali: quella sulfurea e quella salsobromoiodica. La struttura offre percorsi di cura e prevenzione,...

Il Carnevale degli Animali animerà Castel San Pietro Terme

Il Carnevale degli Animali animerà Castel San Pietro Terme

"Il Carnevale degli Animali" è in arrivo nel centro storico di Castel San Pietro Terme. Domenica 11 febbraio si terrà infatti l'edizione 2024 del carnevale castellano, che quest'anno è dedicato agli animali domestici, selvatici, fantastici e fiabeschi,...